Filosofia

“Coltivare dal latino ‘Colere’ oltre al senso materiale di coltivare ha quello morale di attendere con premura e quindi anche rispettare, venerare e vale anche abitare”



La terra è l’identità ed il filo conduttore che detta le basi per la nostra filosofia aziendale che si sintetizza nella coltivazione biologica e nell’appartenenza a FIVI e SETTE TERRE

BIOLOGICO

Coltivare in modo biologico i nostri vigneti è stata la naturale conseguenza del profondo amore e rispetto che abbiamo per la nostra terra. 
Una scelta impegnativa e faticosa, i trattamenti a base di prodotti di contatto e non citotropici (non assorbiti dalla linfa), niente utilizzo di diserbanti e concimi chimici. 
Scelta che però viene ampiamente ripagata ogni volta che passeggiando tra i nostri filari vediamo il brulicare di insetti nell’erba lasciata crescere tra i filari.
La coltivazione con metodo biologico ci permette di ottenere uve sane, ricche di sapore e partire da una materia prima di qualità e genuinità è condizione essenziale per ottenere un grande vino.

FIVI

Da anni facciamo parte della FIVI – Federazione italiana dei vignaioli indipendenti –  associazione che raggruppa i viticoltori che svolgono tutte le fasi dalla coltivazione dell’uva, alla lavorazione fino alla commercializzazione del proprio prodotto.
Fivi ha l’obiettivo  di  valorizzare la figura del vignaiolo che coltiva la propria uva e questo legame garantisce al consumatore di bere un vino con un forte attaccamento al territorio che a sua volta garantisce un forte marchio di tipicità e cultura.

SETTE TERRE

“La terra, l’ambiente, la qualità e l’anima di Bergamo nel bicchiere” questo è il motto dell’associazione viticoltori indipendenti di Bergamo – “Sette Terre”   un gruppo di aziende agricole delle quali facciamo parte che è stato creato con l’obiettivo di valorizzare e promuovere la produzione viticola bergamasca  con uno sviluppo ecocompatibile. 
Accomunate dalla ricerca della massima espressività dei vini e della loro identità territoriale, partendo appunto dai suoli sui quali si radicano i rispettivi vigneti posti da un capo all’altro della zona collinare bergamasca, Sette Terre punta ad ottenere la massima qualità, attuando un consistente taglio del carico di uva per pianta.